Presentazione del catalogo “Vidoni. Tracce di esistenza / The Traces of Existence”

Copertina catalogo Vidoni DEFCasa Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine
Via Cavour, 14 – UDINE
3 dicembre 2015 _ ore 17.30

Il volume Vidoni. Tracce di esistenza / The Traces of Existence, a cura di Stefano Chiarandini, riproduce le opere di Carlo Vidoni esposte in cinque Gallerie pubbliche del territorio regionale, da maggio a dicembre 2015. Il progetto prevede anche la realizzazione di due mostre, nell’aprile 2016, presso il Comitato delle Regioni e nella Sede di rappresentanza della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia di Bruxelles (Belgio). Le esposizioni hanno avuto specifiche peculiarità, adattandosi, in alcuni casi, alle caratteristiche della sede. I lavori presentati, provenienti da collezioni pubbliche, private e dell’artista, riassumono appieno gli ultimi dieci anni della sua sperimentazione creativa.
La monografia contiene i saggi di Francesca Agostinelli, Alessandro Bertinetto, Annalia Delneri, Vania Gransinigh, Rafaella Loffreda e Angelo Vianello. La sezione degli apparati, approfondita ed esaustiva, è composta dal catalogo delle opere, dalla biografia, dall’elenco delle esposizioni e dalla bibliografia.
Il volume, tradotto integralmente in inglese, è pubblicato dall’editore Venti d’arte, hardcover, 248 pagine, ISBN 978-88-907329-9-7.

INFO
Casa Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine: (+39) 0432 1273772, casa.cavazzini@comune.udine.it, www.udinecultura.it/casacavazzini
Associazione Culturale “Venti d’arte”: (+39) 339 2887440, info@ventidarte.it, www.ventidarte.it

Annunci

Presentazione del catalogo “VIDONI. TRACCE DI ESISTENZA / THE TRACES OF EXISTENCE”

Invito presentazione catalogo Vidoni_Tracce di Esistenza

Presentazione volume d’arte intitolato “Album pittorico del Friuli”

Il 21 febbraio, alle ore 17, presso il Salone del Parlamento del Castello di Udine, sarà presentato il volume d’arte intitolato Album pittorico del Friuli.
Interverranno il dr. Duilio Contin (curatore del commentario), il dr. Antonio Orgnani (proprietario dell’Album originale), il dr. Mauro Bini (l’editore). Il prof. Paolo D’Angelo, docente di Estetica all’Università di Roma 3, terrà la Lectio magistralis intitolata “Paesaggio: natura, arte, storia”. Modererà il convegno il prof. Angelo Vianello, Prorettore dell’Università degli Studi di Udine.
Gli interventi saranno inframezzati da brani musicali eseguiti dalla flautista Luisa Sello.

L’Album pittorico del Friuli è una preziosa raccolta di illustrazioni di città, paesi e castelli del territorio friulano del primo Ottocento.
È composto da ventisei tavole disegnate da Marco Moro e Ottavio Codecasa, stampate in litografia nel 1841 dalle tipografie Linassi di Trieste e Berletti di Udine.
Questa edizione riproduce in facsimile nel formato originale (cm 31 × 47) l’unico esemplare integrale esistente, appartenente alla collezione della Famiglia Orgnani.
L’Album è accompagnato dal volume di commentario, curato da Duilio Contin.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il tempo: una dimensione pervasiva

PesceLunedì 7 ottobre 2013, alle ore 17.30, presso la sala consiliare del Comune di Aquileia, nell’ambito degli eventi collaterali della manifestazione POLDELMENGO l’opera del prima, si terrà l’incontro Il tempo: una dimensione pervasiva.
Il convegno, promosso e organizzato dal Comune di Aquileia, dalla Fondazione Aquileia, dall’Associazione Culturale “Venti d’arte” e dell’Associazione Culturale “don Gilberto Pressacco”,  intende approfondire, con un approccio multidisciplinare, l’elusivo concetto di “tempo”, evidenziandone l’aspetto pervasivo sia nelle scienze esatte, sia in quelle umanistiche.
I saluti saranno portati dal Sindaco Alviano Scarel per il Comune di Aquileia e dal Prorettore Angelo Vianello per l’Università degli Studi di Udine. Il tema sarà introdotto dal giornalista Gianpaolo Carbonetto che modererà l’incontro. Leopoldo Benacchio (Osservatorio Astronomico di Padova),  con la relazione Vassene il tempo… oppure no?, analizzerà il concetto di “tempo” dal punto di vista della fisica e dell’astrofisica. A seguire Federico Vercellone (Università degli Studi di Torino) esaminerà il tema Tempo dell’arte, tempo della natura sotto l’aspetto estetico-filosofico. Infine Pierluigi Di Piazza (Centro di accoglienza “E. Balducci”, Zugliano) si soffermerà su Il tempo come possibilità di rendere umano questo mondo, in cui illustrerà l’importanza che riveste questa dimensione nella quotidianità dei rapporti umani.
Al termine dell’incontro sarà effettuata un’apertura straordinaria delle sale espositive di stalla Pasqualis (Aquileia) per poter permettere ai partecipanti del seminario di visitare la mostra personale di Massimo Poldelmengo.

 

POLDELMENGO l’opera del prima
stalla Pasqualis
Via Giulia Augusta, Aquileia (UD)
22 settembre > 27 ottobre 2013

venerdì > domenica
h 9.30 > 13.00 / 15.30 >19.00
ingresso libero

info: 339 2887440, ufficiostampa@fondazioneaquileia.it, venti.darte@libero.it

Renato Iacumin: tra Cristianesimo aquileiese e passione civile

Venerdì 27 settembre 2013 alle 16.00, presso la sala consiliare del Comune di Aquileia, si terrà un convegno su: Renato Iacumin: tra Cristianesimo aquileiese e passione civile.

Dopo il saluto del Sindaco di Aquileia e del Presidente dell’Associazione Culturale “don Gilberto Pressacco”, l’incontro sarà aperto da Angelo Vianello che descriverà il percorso intellettuale di Iacumin nell’interpretare la simbologia dei mosaici delle aule nord e sud della Basilica. Vi sarà poi una breve introduzione al convegno di Gianpaolo Gri, cui faranno seguito gli interventi di Ferruccio Tassin: Renato Iacumin storico delle lotte contadine nel Friuli orientale e di Flaviano Facchinetti: Renato Iacumin e il suo impegno di cristiano: il processo di formazione e di maturazione.

Il convegno è promosso e organizzato dal Comune di Aquileia, dalla Fondazione Aquileia, dall’Associazione Culturale “Venti d’arte”, dall’Associazione Culturale “don Gilberto Pressacco” e rientra all’interno degli eventi collaterali della manifestazione POLDELMENGO l’opera del prima.

Renato Iacumin