Incontro con l’artista e visita guidata alla mostra “POLDELMENGO l’opera del prima”

212L0492
Domenica 20 ottobre, alle ore 16, ad Aquileia, presso stalla Pasqualis (via Giulia Augusta), si terrà il penultimo evento collaterale alla mostra POLDELMENGO: l’opera del prima.
L’iniziativa prevede una visita guidata a cura di Alice Collavin, corredata da un dialogo/incontro con Massimo Poldelmengo, protagonista dell’esposizione.
La mostra, inaugurata lo scorso 22 settembre, è stata promossa e organizzata dal Comune di Aquileia, dalla Fondazione Aquileia e dall’Associazione Culturale “Venti d’arte”, con la collaborazione della Fondazione Musei Civici di Venezia, della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Armando Pizzinato”, della Fondazione “Ado Furlan” e della Fondazione Concordia 7.
L’iniziativa, inoltre, rientra nel fitto calendario di manifestazioni che Aquileia dedica all’anniversario dell’editto di Costantino del 313 d.C.

L’esposizione sarà visitabile fino al 27 ottobre, dal venerdì alla domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.

POLDELMENGO l’opera del prima
stalla Pasqualis
Via Giulia Augusta, Aquileia (UD)
22 settembre > 27 ottobre 2013

venerdì > domenica
h 9.30 > 13.00 / 15.30 >19.00

ingresso libero

Annunci

Incontro con l’artista e visita guidata alla mostra “POLDELMENGO l’opera del prima”

Poldelmengo 1

Sabato 5 ottobre, alle ore 16, ad Aquileia, presso stalla Pasqualis (via Giulia Augusta), si terrà il secondo evento collaterale alla mostra POLDELMENGO: l’opera del prima.
L’iniziativa prevede una visita guidata a cura di Alice Collavin, corredata da un dialogo/incontro con Massimo Poldelmengo, protagonista dell’esposizione.
La mostra, inaugurata lo scorso 22 settembre, è stata promossa e organizzata dal Comune di Aquileia, dalla Fondazione Aquileia e dall’Associazione Culturale “Venti d’arte”, con la collaborazione della Fondazione Musei Civici di Venezia, della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Armando Pizzinato”, della Fondazione “Ado Furlan” e della Fondazione Concordia 7.
L’iniziativa, inoltre, rientra nel fitto calendario di manifestazioni che Aquileia dedica all’anniversario dell’editto di Costantino del 313 d.C.

Nato a Pordenone nel 1964, Massimo Poldelmengo si è affermato come artista poliedrico, pittore, scultore e fotografo professionista. Dopo un’iniziale attività espositiva nel triveneto, a partire dalla fine degli anni Ottanta, con la Galleria Bevilacqua la Masa di Venezia e successivamente con la Galleria “la roggia” di Pordenone, Poldelmengo ha valicato i confini nazionali, partecipando a numerosi appuntamenti internazionali.
Ha affiancato Davide Raffin, architetto pordenonese, nel progetto per il complesso della chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Baragalla a Reggio Emilia, vincitore  del concorso bandito dalla CEI e nel 2009 ha vinto il premio “In Sesto. Scultura e installazione nello spazio urbano” di San Vito al Tagliamento, con Scala.
Il percorso espositivo si snoda lungo i due piani di stalla Pasqualis, secondo un ordinamento cronologico che, partendo da Pietra blu, legno, ferro, marmo (Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna Ca’ Pesaro) con la quale Poldelmengo partecipò ad Arteveneto 73° Mostra collettiva Bevilacqua La Masa di Venezia del 1989, giunge sino alle ultime produzioni dell’artista, eseguite appositamente per l’esposizione aquileiese.
L’esposizione comprende sia sculture e installazioni che esplicitano la capacità dell’autore di manipolare e plasmare diversi materiali (acciaio, ferro, vetro, pellicola fotografica, legno, neon, ecc.) sia opere su carta, dense annotazione grafiche sulla sequenza temporale che scandisce il processo creativo dell’artista, il suo concretizzarsi in materia e l’ostentazione nello spazio.
Il concetto del tempo, così come lo spazio, pervade tutta la produzione artistica di Poldelmengo.
Ad Aquileia sono state raggruppati anche alcuni lavori dove ricorrente è la rappresentazione del pesce,  ridotta a due linee curve speculari che si incrociano e carica di rimandi alla simbologia cristiana.

L’esposizione sarà visitabile fino al 27 ottobre, dal venerdì alla domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.

POLDELMENGO l’opera del prima
stalla Pasqualis
Via Giulia Augusta, Aquileia (UD)
22 settembre > 27 ottobre 2013

venerdì > domenica
h 9.30 > 13.00 / 15.30 >19.00

ingresso libero

Alcuni scorci della mostra d’arte “POLDELMENGO l’opera del prima”

Questo slideshow richiede JavaScript.

POLDELMENGO l’opera del prima

stalla Pasqualis, Via Giulia Augusta – Aquileia (UD)
22 settembre > 27 ottobre 2013

venerdì > domenica: 9.30 > 13.00 / 15.30 > 19.00

ingresso libero

vernissage: 22 settembre 2013, ore 18.00

Le trenta opere selezionate per l’esposizione intitolata POLDELMENGO l’opera del prima  provengono da collezioni private, da importanti Musei e Istituzioni del nostro territorio; alcuni lavori, inoltre, sono stati realizzati dall’artista per questa iniziativa. Significative sono Pietra blu, legno, ferro, marmo (1988), appartenente alla collezione della Galleria Internazionale d’Arte Moderna Ca’ Pesaro di Venezia, e Trittico (1988), di proprietà dell’artista, entrambe presenti all’Arteveneto 73a Mostra collettiva Bevilacqua La Masa di Venezia (1988-89) e nuovamente esposte assieme ad Aquileia.

Il tema centrale della rassegna è il “tempo”. Si tratta, come noto, di un concetto pervasivo da sempre presente sia nelle scienze esatte, sia in quelle umanistiche. Lo ritroviamo anche nelle opere di Massimo Poldelmengo, come ad esempio nei lavori intitolati Il tempo di Canova (1992), Sequenze (1994) e nel ciclo dedicato al “pesce”. Inoltre, il concetto del tempo ha suscitato all’artista profonde e personali riflessioni espresse nello scritto intitolato L’opera del prima (1996/2010). Una sorta di “filo rosso” quindi sembra legare i lavori di Poldelmengo ad Aquileia e alle radici del “suo” Cristianesimo.

La mostra, curata da Stefano Chiarandini, è promossa e organizzata dall’Associazione Culturale Venti d’arte, dal Comune di Aquileia e dalla Fondazione Aquileia, in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Armando Pizzinato”, la Fondazione “Ado Furlan” e la Fondazione Concordia 7. Gode del sostegno e/o del patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, delle Provincie di Udine e Pordenone, del Comune di Pordenone, dell’Università degli Studi di Udine, della Fondazione CRUP, dell’Associazione Culturale “don Gilberto Pressacco” e dell’Associazione Centro di accoglienza “E. Balducci”.

Il catalogo contiene i saggi critici di Italo Furlan (Storico dell’arte e docente all’Università di Padova), di Roberto Tagliaferri (liturgista), Federico Vercellone (Filosofo e docente all’Università di Torino) ed è tradotto in lingua inglese e tedesca.

info:
339 2887440
ufficiostampa@fondazioneaquileia.itventi.darte@libero.it

cartolina orriz-2.indd